Thomas Yellowtail

Original source: https://www.webpages.uidaho.edu/~rfrey/tom.htm

Tom Codagialla 
Tom Yellowtail  e sua moglie,
Susie Yellowtail
Susie Yellowtail – fotografata nel 1976

” On the Maker “, parte di un’intervista che ho condotto con Tom nella sua casa di Wyola, nel Montana, il 28 agosto 1974. 

” On Burnt Face and the Medicine Wheel “, un segmento tratto dal racconto di Tom della storia di Burnt Face. Raccontata nella sua capanna a est di Wyola il 27 giugno 1993. Riprendiamo la storia dopo che il ragazzo era stato gravemente ustionato e sfregiato, ed era stato ostracizzato dalla sua gente. Ha deciso di digiunare in montagna e cercare una visione. La storia di Burnt Face era una delle preferite di Tom.

(Accedi a questi file audio tramite RealPlayer di base . Puoi ottenere una versione GRATUITA su questo sito. Ci scusiamo per la scarsa qualità audio. Non esiste alcun sostituto per una buona attrezzatura di registrazione!)

 Thomas Yellowtail nacque appena a sud di Lodge Grass nella Crow Reserve del Montana il 7 marzo del 1903. Il suo nome indiano era Medicine Rock Chief, dato a Tom da Medicine Crow, il famoso guerriero e capo nato intorno al 1848. Tom, come veniva spesso chiamato in causa, aveva ricevuto anche il nome Dashbiilaa , Cuore di Fuoco. Era questo il nome che avresti sentito, pronunciato in Apsáalooke , chiamandolo al polo centrale della loggia della Danza del Sole per “medicare” qualcuno. Il nome del padre di Tom era Yellowtail, del clan Big Lodge, nato intorno al 1855. Il nome “Yellowtail” è un probabile riferimento al falco ferruginoso “coda gialla”. La madre di Tom era Lizzie Chienne, del clan Whistling Water, nata nel 1864. Il padre di Tom morì nel 1927 e sua madre, “vivendo più di cento anni”, morì nel 1969. Nel 1929, Tom sposò Susie Walking Bear e lì iniziarono una stretta e “meravigliosa collaborazione”. Nel 1970 agli All American Indian Days tenutisi a Sheridan, nel Wyoming, Tom e Susie furono insieme premiati come Outstanding American Indian of the Year. Il giorno di Natale del 1981 Susie morì. Quasi dodici anni dopo, il 24 novembre 1993, Tom Yellowtail passò “all’altra parte del campo”.

cabina.jpg (25247 byte)
Tom guida i suoi pronipoti durante i lavori nella sua cabina – fotografato nel 1993

Tom era un uomo profondamente spirituale, un akbaalia , “uno che dottore”. Tom mi è stato presentato per la prima volta ad una Sun Dance che stava “correndo” vicino a Pryor, nel Montana. Era sua responsabilità coordinare l’intera cerimonia di tre giorni di “digiuno”, preghiera e “medicazione” per gli oltre cento uomini e donne partecipanti. Tom aveva “ballato” in oltre cinquanta Danze del Sole. Nel 1984, Tom si “ritirò” come attivo “medicina della Sun Dance”, passando molte delle sue “medicine” a John Pretty on Top. Tuttavia, come akbaalia , Tom ha continuato a fornire “medicina” a tutti coloro che avevano bisogno del suo aiuto. Fu infatti molto attivo fino alla fine dei suoi novant’anni di vita, conducendo “aperture di fasci” e “incontri di preghiera”. Durante la Sun Dance del luglio 1993 sponsorizzata da Alvin Howe e Rob Moran, Tom era al centro del “dottore”. Quell’autunno Tom si recò nell’Illinois, nel Colorado e nell’Indiana, offrendo preghiere e “dottore”. Tom era stato selezionato come rappresentante al Parlamento delle religioni del mondo tenutosi a Chicago, e lì stava al suo fianco e offriva preghiere per la pace nel mondo con il Dalai Lama del Tibet e altri leader spirituali. A novembre, Tom rispose di nuovo alla chiamata e si trovò nella riserva di Warm Springs, nell’Oregon, “per aiutare chi era in difficoltà”. Oltre alla “Sun Dance Religion”, Tom era anche un membro attivo della chiesa battista indiana Lodge Grass First Crow. Per Tom, “come i raggi separati di una ruota di carro”, tutte le religioni sono collegate e conducono allo stesso “mozzo”, il Creatore. “Sono semplicemente modi diversi di pregare.”

La cura riservata a chi ha bisogno si è concretizzata anche in una delle grandi passioni di Tom, il suo giardino. Non appena arrivai alla sua baita per una visita nel giugno del 1993, la prima cosa che Tom volle mostrarmi fu il suo giardino. Camminammo fino al terreno di otto acri e poi lungo ogni fila, mentre Tom identificava per me e ispezionava ogni singola pianta che germogliava nel terreno. Ognuno era come un bambino, da allevare e curare. Quasi ogni anno dal 1929, quando acquistò questa terra, Tom l’aveva “messa nel suo giardino”. In passato, Tom veniva sempre assistito da sua moglie Susie. Frutti, patate, carote, mais e ravanelli “grandi come una mela” erano tra i raccolti condivisi con la sua famiglia e i suoi amici durante ogni raccolto autunnale.

Come la maggior parte dei Crows, Tom parlava correntemente Apsaalooke quanto l’inglese. Anche se io stesso avevo iniziato a imparare Apsaalooke , anche se tutt’altro che fluente, le storie che Tom aveva condiviso con me e le meravigliose conversazioni che avevamo erano tutte in inglese. Sebbene in inglese, i modelli di discorso di Tom, tuttavia, conservavano le stesse qualità deliberate, ripetitive e complete del suo Apsaalooke . Avendo acquisito la reputazione di “preghiere estremamente lunghe, anche se ben pronunciate”, c’erano alcuni che erano restii a fare un bagno di sudore con lui. “Versava un sudore caldo e lungo!” E Tom diceva: “Cerco di includere tutti nelle mie preghiere”.

C’è una parola in Apsaalooke che per me è arrivata meglio per esprimere chi fosse Tom Yellowtail. Quella parola è diakaashe , che significa letteralmente “lui/lei lo sta facendo davvero” e generalmente tradotta dal Corvo come “sincerità”. Non conosco nessun altro essere umano che abbia esemplificato meglio questa qualità del Corvo così cara. Tom aveva la reputazione di “non essersi mai arrabbiato con un’altra persona e nemmeno di aver parlato male di lei”, per la sua “onestà”, per i suoi “modi compassionevoli, gentili e gentili” e per aver sempre assistito chi era nel bisogno, “aiutando sempre altri.” In un certo senso, queste qualità furono pubblicamente riconosciute nel gennaio del 1993, quando Tom fu onorato per il suo contributo ai popoli del Montana come destinatario del Premio del Governatore per le Arti Tradizionali. La “sincerità” di Tom si esprime nella cura con cui ha condiviso le sue storie, fedele e onesto alle loro tradizioni e ai suoi “padri della medicina”. Quattro delle storie più amate di Tom sono incluse in Stories That Make The World. Al termine del racconto dei quattro “piccoli racconti”, come li chiamava lui, Tom ha detto: “Se tutte queste grandi storie fossero raccontate…, grandi storie arriveranno!”

Conoscevo Tom Yellowtail dal 1974, quando iniziai a lavorare con i Crows su una serie di progetti etnografici applicati. Subito dopo lo chiamavo: “Nonno”. Lui e Susie mi avevano “accolto” come “nipote” e durante l'”apertura del pacchetto”, Tom mi aveva conferito il nome indiano, Maakuuxshiichiilish , Cercando di aiutare gli altri. Dashbiilaa è stata la mia guida in ciascuna delle occasioni in cui sono “entrato e ho usato il fischietto” come partecipante alla Danza del Sole. “Nonno” è stato il mio insegnante più importante.

Il meraviglioso esempio e gli insegnamenti che Tom e la sua Susie hanno portato avanti sono continuati con i loro figli, nipoti e pronipoti e tanti altri, toccando e arricchendo la vita di innumerevoli persone ovunque così come di ogni nuova generazione, con le loro storie, i loro comportamento, i loro insegnamenti e il loro stesso spirito. Dopo aver raccontato l’ultima di una serie delle sue storie più care dei Buffalo Days (che appaiono in Stories That Make World ; vedi sotto), il nonno si è rivolto a me e ha condiviso le seguenti parole che da allora hanno risuonato in me.

“Se tutte queste grandi storie venissero raccontate, grandi storie nascerebbero!” 

 ahokaash Dashbiilaa  

Leave a Comment